Pinociampolillo's Blog

Just another WordPress.com weblog

Archivio per il tag “addio pizzo 5 custodia cautelare”

“S” maggio 2012 L’ISPEZIONE A ISOLA DELLE FEMMINE ecco LE CARTE DELLO SCONTRO

Bertolt Brecht  : “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente”
Non mi piace pensare che esiste l’ingiustizia della legge, non mi piace perché è dura da digerire, mi rendo conto che spesso e volentieri si perde traccia degli eventi perché non sono più sensazionali e solo grazie alla diretta conoscenza delle persone coinvolte verrai a sapere che quella storia non è finita così. Ma…………..
Pino Ciampolillo
Ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti  è puramente casuale !!!!!!!!!!!!
“ Non c’è niente di più profondo di ciò che appare in  superficie “

Fonte http://www.livesicilia.it
Autore Riccardo Lo Verso

 

Processo ”Addiopizzo”: 400 anni di carcere


Processo ”Addiopizzo”: 400 anni di carcere

Un risultato processuale storico: condannati 49 dei 50 imputati tra boss, imprenditori e commercianti

Condanne per quasi quattro secoli di carcere (esattamente 375 anni) sono state inflitte, col rito abbreviato, dal Gup di Palermo Vittorio Anania, nel processo “Addiopizzo”, uno stralcio di un’imponente indagine della Squadra Mobile di Palermo sul fenomeno del pizzo gestito dal clan capeggiato dai boss Salvatore e Sandro Lo Piccolo.

Ad essere condannati sono stati 49 dei 50 imputati tra boss, imprenditori e commercianti. I malavitosi sono stati condannati con l’accusa di estorsione, mentre alcuni dei titolari di attività commerciali sono stati condannati per favoreggiamento, visto che non avevano ammesso ai magistrati di avere pagato il pizzo. Una sola assoluzione: si tratta del commerciante Vincenzo Cintura, accusato di favoreggiamento e difeso dall’avvocato Fabio Milazzo.

L’accusa era sostenuta dai pm della Dda Marcello Viola e Francesco Del Bene, Annamaria Picozzi e Gaetano Paci, che avevano chiesto pene per 524 anni di carcere. L’indagine era nata dal ritrovamento – nel covo di Giardinello, il 5 novembre 2007, al momento della cattura dei Lo Piccolo – dei pizzini con la contabilità e la gestione del racket delle estorsioni. Era stato così confermato che i commercianti e gli imprenditori palermitani pagavano a tappeto.

La condanna più alta, 20 anni di carcere, è stata inflitta a Nino Mancuso, che sarebbe stato esattore nei confronti di numerosissimi commercianti, così come Domenico Serio, al quale sono stati inflitti 16 anni. Ad Andrea Gioé inflitti 12 anni, a Michele Catalano, 20 anni e Domenico Ciaramitaro, 18 anni. A Calogero Lo Piccolo, figlio del boss Salvatore e fratello del mafioso e sicario Sandro, subentrato ai prossimi congiunti dopo il loro arresto, sono stati inflitti 10 anni di carcere.

Gli imprenditori condannati sono: Salvatore Genovese, Carlo Alberto Adile, Salvatore Ariolo, Giampiero Specchiarello (sei mesi). Mentre Gaspare Messina, titolare del locale notturno “Scalea club” ha avuto un anno e quattro mesi per falsa testimonianza.

La sentenza, risultato processuale storico per le inchieste sulle estorsioni, è stata letta dal giudice nell’aula bunker del carcere dell’Ucciardone, dopo otto ore di camera di consiglio: il solo dispositivo è composto da 18 pagine e il Gup ha disposto provvisionali immediatamente esecutive da 90 mila euro ciascuno a favore dei commercianti che si erano costituiti parte civile; stessa somma alle associazioni (come “Addiopizzo”, dalla quale è stato preso il nome dell’operazione antimafia), Federazione antiracket e Libero Futuro. La Provincia di Palermo ha avuto il risarcimento più alto: 320 mila euro; altre associazioni, come Confindustria, Assindustria, Centro Pio La Torre, Sos Impresa 60 mila euro ciascuno.

[Informazioni tratte da  AGI, Ansa, La Siciliaweb.it

Racket, processo a boss e negozianti Alla sbarra chi negò di pagare il pizzo

di Salvo Palazzolo

Indagini chiuse sul clan Lo Piccolo: sotto accusa 58 boss e 22 commercianti

Il primo nome della lista è quello di un capomafia, Andrea Adamo, accusato di aver chiesto il pizzo. Il secondo, quello di un imprenditore, Aldo Adile, amministratore di Interlinea, accusato di favoreggiamento, per non aver denunciato gli esattori di Cosa nostra. Carnefici e vittime sono insieme nel processo alla nuova mafia dei Lo Piccolo, che si celebrerà a breve. La Procura ha chiuso l´inchiesta e si appresta a chiedere il rinvio a giudizio per 58 mafiosi e 22 fra commercianti e imprenditori, titolari di 19 attività. Nella lista firmata dai pubblici ministeri Domenico Gozzo, Gaetano Paci, Marcello Viola, Francesco Del Bene e Annamaria Picozzi ci sono nomi molto noti: non solo Aldo Adile, ma anche Carlo Alberto Adile (amministratore di “Adile salotti”), Maurizio Buscemi (pub Bocachica), Rosario Correnti e Raimondo Inserra (Villa Boscogrande), Giuseppe Consolo e Giovanni Profeta (ristorante Temptation), Salvatore Balsano (ristorante Lo scrigno dei sapori), Vincenz Favaloro (ristorante Alla corte dei normanni), Umberto Prestigiacomo (pub Any Way). Poi, ancora: Salvatore Ariolo (Eurofrutta srl), Giampiero Specchiarello (Gia.spe costruzioni), Antonio Billeci (Il Delfino ristorazione), Vincenzo Cintura (ditta edile Cintura junior), Salvatore Catalano (Movi.ter), Salvatore Genovese (Genovese service srl), Daniele e Domenico Terzo (Carrozzeria Firenze), Giulio Vassallo (Bar Gardenia), Giuseppe Giammona (Giauto). Tutti indagati per favoreggiamento. Gaspare Messina, gestore dello Scalea club deve invece rispondere di falsa testimonianza, per aver ritrattato la denuncia che aveva fatto nei mesi scorsi alla Procura: faccia a faccia con il suo estorsore, durante l´incidente probatorio tenuto di recente davanti al gip Maria Pino, si è tirato indietro.
Tutto era cominciato con la cattura di Salvatore e Sandro Lo Piccolo, il 5 novembre 2007. I mille pizzini ritrovati dalla squadra mobile nel covo di Giardinello hanno dischiuso il forziere del racket. Il pentimento di cinque mafiosi un tempo legati a Lo Piccolo ha offerto indicazioni importantissime per decifrare i nomi in codice degli esattori. Questa volta, agli operatori economici veniva chiesto soltanto di confermare. In 18 l´hanno fatto. In 22 hanno preferito il silenzio. Nonostante gli appelli delle istituzioni e delle associazioni antiracket. Nonostante il disfacimento di Cosa nostra palermitana, decimata dai blitz di polizia e carabinieri.
L´elenco dei boss finiti in carcere in questi mesi e adesso destinati al processo è lungo. Nella lista dei 58 ci sono Salvatore Lo Piccolo e i figli Sandro e Calogero. Poi, i quadri dirigenti della nuova organizzazione: Michele Catalano (reggente dello Zen), Giovan Battista Giacalone (reggente di San Lorenzo), Andre Gioè (reggente di Tommaso Natale e Sferracavallo), Salvatore Genova (reggente del mandamento di Resuttana), Ferdinando Gallina (reggente della famiglia di Carini), Antonio Mancuso (reggente di Partanna Mondello), Massimo Giuseppe Troia (reggente di San Lorenzo). Ci sono gli insospettabili favoreggiatori: Gerardo Parisi era ufficialmente l´autista del presidente della Gesip, in realtà era uno dei favoreggiatori più fidati dei Lo Piccolo, sempre pronto a reperire un covo sicuro per i latitanti. Alcuni imprenditori sono accusati di associazione mafiosa, per aver messo a disposizione dei Lo Piccolo le loro aziende: Pietro Alamia, Giovanni Botta, Pietro Cinà, Francesco Palumeri e Sebastiano Vinciguerra. Seguono i picciotti addetti alla raccolta del pizzo: Antonio Ciminello, Tommaso Contino, Antonio Cumbo, Gaetano Fontana, Salvatore Liga, Fabio Micalizzi, Vincenzo Graziano. Nel processo ci saranno anche i mafiosi di un tempo, poi diventati i pentiti che hanno demolito il sistema Lo Piccolo. Da Antonino Nuccio a Francesco Franzese, Gaspare Pulizzi. L´inchiesta fa luce su mandanti ed esecutori di 42 estorsioni e 7 tentate estorsioni. Il caso più eclatante resta quello di Rodolfo Guajana, a cui fu bruciata la fabbrica, tre mesi prima dell´arresto dei padrini di Tommaso Natale. Quel giorno, ha raccontato il pentito Pulizzi, Sandro Lo Piccolo non volle perdersi il telegiornale: vedendo le immagini della fabbrica distrutta dal fuoco, commentò che quel rogo avrebbe dovuto essere di esempio per tutti i commercianti di Palermo. Non lo è stato pe Guajana, che ha denunciato. Non lo è stato per i 18 che nelle scorse settimane sono già stati protagonisti dell´incidente probatorio, una sorta di anticipazione del processo ai Lo Piccolo.

Fermati i boss di Resuttana

Il neopentito Manuel Pasta, sta già dando un contributo sostanziale per comprendere i nuovi assetti dei clan palermitani
 
E’ scattata alle prime luci dell’alba di oggi un’operazione antimafia condotta dai Carabinieri del Reparto operativo di Palermo che hanno eseguito tre fermi per associazione mafiosa ed estorsioni. Tra questi in manette anche colui che è considerato il nuovo ‘reggente’ del mandamento mafioso di Resuttana. In carcere sono finiti Andrea Quatrosi, 52 anni, ritenuto il capo mandamento di Resuttana, Carlo Giannusa, 41 anni e Mario Napoli, 45 anni.
L’inchiesta è stata avviata dai magistrati del pool coordinato dal procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia: i pm Marcello Viola, Francesco Del Bene, Gaetano Paci, Annamaria Picozzi e Lia Sava.
I provvedimenti sono stati resi possibili dalle dichiarazioni di un nuovo pentito di mafia, Manuel Pasta, che collabora da una decina di giorni con i magistrati. I tre sono stati fermati per il pericolo di fuga, i pm, infatti, temevano che nell’apprendere dell’avvio della collaborazione del pentito avrebbero potuto lasciare Palermo. Due degli arrestati sono stati fermati a Cinisi a bordo di uno scooter, un terzo aveva trascorso la notte fuori casa. In corso anche perquisizioni alla ricerca di armi e munizioni.

Come già accennato, all’indagine hanno dato un contributo importante le rivelazioni di Manuel Pasta (nella foto), che per conto dei boss gestiva il racket delle estorsioni. E’ dallo scorso 29 marzo che Pasta collabora con la giustizia e sta svelando a magistrati della Dda di Palermo e ai carabinieri i segreti della cosca palermitana di Resuttana, legata a doppio filo a quella dei padrini Sandro e Salvatore Lo Piccolo.
Manuel Pasta, 34 anni, è stato arrestato dai militari dell’Arma, a dicembre scorso, nel blitz denominato ‘EOS’. E’ accusato di associazione mafiosa ed estorsione. Il padre, Salvatore Pasta, in passato, è stato arrestato per riciclaggio aggravato. Elemento di spicco del “mandamento”, vicino ai capi della cosca, considerato il gestore del racket delle estorsioni per conto dei boss, il pentito sta aiutando gli investigatori a ricostruire i nuovi organigrammi dell’associazione. Titolare di uno studio di consulenza che trattava sinistri stradali. Si sarebbe occupato anche di pratiche che coinvolgevano diversi personaggi mafiosi riferibili a Cosa Nostra e, in particolare, alla famiglia di Resuttana, tra i quali Salvatore Genova, Rosario Pedone, Sergio Giannusa, Giuseppe Biondino, Salvatore Ariolo, Francesco D’Alessandro e Sebastiano D’Ambrogio. Inoltre provvedeva anche al mantenimento delle famiglie dei boss detenuti facendo avere loro un vero e proprio stipendio mensile.
Pasta ha “traghettato” il mandamento dalla vecchia gestione del capomafia Giovanni Bonanno, assassinato col metodo della lupara bianca su ordine dei Lo Piccolo, a quella dei nuovi vertici.
Il neo collaboratore – l’ultimo di una lunghissima schiera di uomini d’onore vicini ai Lo Piccolo che hanno deciso di saltare il fosso – sarebbe dovuto comparire oggi all’udienza preliminare in cui è imputato. Per ragioni di sicurezza non sarà presente. I suoi familiari – la moglie e i due figli – nei giorni scorsi, sono stati trasferiti in una località protetta.
A parlare di Pasta sono diversi collaboratori di giustizia, che prima di lui hanno deciso di saltare il fosso, tra cui Maurizio Spataro. Quest’ultimo, secondo i magistrati di Palermo “ha condiviso con Pasta un periodo di collaborazione criminale”. Nel corso di un verbale, reso da Spataro il 20 novembre 2009, il collaboratore, nel ribadire la funzione di Pasta nell’ambito della famiglia mafiosa di Resuttana, aveva evidenziato che quest’ultimo “si occupava di pagare le famiglie dei detenuti”. Manuel Pasta, secondo le dichiarazioni rese da Spataro ai magistrati della Dda di Palermo “gestiva con me il mandamento di Resuttana. Teneva la cassa e si occupava di pagare i familiari ai detenuti. Ha una agenzia di disbrigo pratiche per incidenti stradali che era sede di incontri con esponenti mafiosi. Era vicino a Salvo Genova. Mia moglie ha ricevuto soldi da Pasta”.
Anche Lucia Di Matteo, moglie del pentito Spataro, ha parlato di Pasta. Il 30 novembre 2009 la donna, secondo i pm, avrebbe fornito “un quadro esaustivo dei rapporti che ha mantenuto con Manuel Pasta in ragione dell’attività di assistenza finanziaria e legale che Pasta svolgeva in favore della famiglia Spataro dopo l’arresto di quest’ultimo”. Interrogata dai pm la donna ha detto: “Manuel Pasta mi disse che quando io avevo dei problemi oppure per parlare dei colloqui con mio marito Maurizio, avremmo dovuto vederci al Charleston. In effetti ho incontrato più volte Manuel Pasta al Charleston. Con Pasta parlavamo, tra l’altro, dell’andamento dei colloqui”. “Ricordo un evento in particolare, in cui mi rivolsi a Pasta – ricorda ancora la donna – per entrare in possesso di una somma di denaro pari a 3000 euro con riferimento ad un credito che vantava mio marito rispetto ad un cliente del ‘Borgo’ (il quartiere di Borgo vecchio, ndr) per una macchina. Dopo un colloquio avuto in carcere con mio marito avvenuto il 13 di Novembre del 2008, colloquio avvenuto con modalita’ ”sospette” , ovvero a parte rispetto agli altri detenuti, venne a trovarmi a casa di mia suocera Tanino Lo Presti. Ci incontrammo sotto casa e mi diede 15.000 euro quale parte del credito che mio marito vantava, per la restituzione del quale mi ero rivolta a Pasta”.
Per quanto riguarda gli arresti di stamane, Pasta ha raccontato agli investigatori che Andrea Quatrosi e i suoi uomini stavano progettando due delitti: quello di Michele Pillitteri, un commerciante che faceva estorsioni senza l’autorizzazione della mafia, e quello di Gioacchino Intravaglia, soggetto di cui il collaboratore fa il nome, senza spiegare, però, il movente dell’agguato mai commesso. Pillitteri che chiedeva il pizzo – racconta Pasta – “senza la nostra autorizzazione oltre a non essere formalmente affiliato”, ha subito anche un attentato incendiario da parte del clan.
Due dei fermati, Carlo Giannusa e Mario Napoli, detto ‘Big Jim’, si erano già procurati gli scooter che il commando avrebbe dovuto usare per l’omicidio e avevano pedinato la vittima. Ma – racconta Pasta – “Pillitteri venne risparmiato perchè quando tutto era pronto per l’agguato aveva un bambino in braccio”. Secondo quanto raccontato dal neopentito Cosa nostra avrebbe dovuto uccidere anche un altro uomo.
 
Chi è Andrea Quatrosi – Da rapinatore a capo di uno dei mandamenti mafiosi più importanti di Palermo: un’escalation criminale compiuta in pochi anni e avallata dai boss Salvatore e Sandro Lo Piccolo. E’ il ritratto del nuovo reggente del clan palermitano di Resuttana, Andrea Quatrosi, fermato oggi dai carabinieri. ‘Punciutu’, ossia “affiliato ritualmente”, solo di recente, Quatrosi, per anni, si è occupato della latitanza dei Lo Piccolo. “Si vantava – racconta Manuela Pasta che ne ha descritto il ruolo – di avere insegnato a Salvatore Lo Piccolo a nuotare”. Per conto dei padrini di San Lorenzo, mandamento confinante con quello di Resuttana, nascondeva le armi: kalashnikov, mitragliette, fucili a pompa. I collaboratori di giustizia raccontano che era solito tenere una P38 nascosta dietro al battiscopa della camera dal letto. Parte dell’arsenale del clan l’aveva affidato a una coppia di insospettabili di Cinisi, paese del palermitano. La cerimonia in cui è diventato formalmente un uomo d’onore l’ha “officiata” Giuseppe Liga, l’architetto succeduto a Lo Piccolo alla guida di San Lorenzo.
E’ lui a consigliargli di smetterla con i traffici di droga perché non è attività da capomafia e a invitarlo ad affidare il business ad altri, continuando, però, a intascarne i guadagni. Il pentito Pasta, insieme ad altri collaboratori di giustizia come Maurizio Spataro e Francesco Briguglio, racconta che Quatrosi ha preso il posto di Bartolo Genova, estromesso da Cosa nostra perché colpevole di avere organizzato un incontro, senza avvertire nessuno, con l’allora latitante Gianni Nicchi. In cella sono finiti anche i fedelissimi di Quatrosi: Carlo Giannusa, 41 anni, e Mario Napoli, detto Big Jim, 45, incaricato di riscuotere il pizzo per conto del clan.

Le estorsioni nel “salotto” di Palermo – Tra le confessioni del neopentito Manuel Pasta anche i nomi degli esercizi commerciali della centralissima via Libertà che pagano il pizzo. Era Andrea Quatrosi, secondo Pasta, a tenere e compilare il libro mastro della cosca: l’elenco delle vittime del pizzo – venivano usati soprannomi – con accanto il denaro ricevuto.
Dall’inchiesta è emerso, inoltre, che i mafiosi avevano deciso di spostare a maggio e settembre le tradizionali date di riscossione fissate in Natale e Pasqua per cercare di sviare gli investigatori.
Tra i commercianti taglieggiati di cui parla il pentito pescherie, bar, ma anche noti negozi di via Libertà, il salotto buono di Palermo. Come “Pollini” che versava 500 euro al mese. Nel mirino della mafia anche il titolare della rivendita Timberland, che ha anche altri due negozi di abbigliamento molto noti nel centro di Palermo, che dava 7000 euro l’anno in due tranches. Il particolare curioso e allarmante è che in questo caso a fungere da intermediario tra la vittima e i clan erano altri commercianti: “paga tramite Diego o Cesare Ciulla – racconta Pasta – i titolari del negozio Hessian” (attività di rivendita di accessori molto conosciuta in città, ndr). Nel libro mastro anche l’hotel Politeama che versava alla cosca 6000 euro l’anno. Sempre a proposito del racket, il pentito racconta del danneggiamento subito dal proprietario di un bar che si era rifiutato di pagare il pizzo. Il titolare aveva risposto in malo modo all’estortore e aveva fatto sapere che non gli interessava cosa sarebbe accaduto. Un comportamento anomalo, visto che la vittima, secondo quanto la cosca sapeva, pagava regolarmente per l’altra attività commerciale di proprietà, un altro bar che si trova nella località balneare di Mondello. Per tutta risposta il clan piazzò uno scooter rubato per commettere un omicidio, poi mai eseguito, e gli diede fuoco davanti al locale del commerciante riottoso.

[Informazioni tratte da ANSA, ADNKRONOS/ING]

http://isolapulita.blogspot.it/2010/05/blog-post.html

http://isolapulita.blogspot.it/2009/08/vile-aggressione-al-candidato-sindaco.html

ESTRATTO CUSTODIA CAUTELARE ADDIO PIZZO 5

ESTRATTO CUSTODIA CAUTELARE ADDIO PIZZO 5

La partecipazione di BRUNO Pietro all‘associazione mafiosa Cosa Nostra è asseverata dalla sentenza emessa dal G.U.P. di Palermo in data 20.12.2000, divenuta irrevocabile in data 7 ottobre 2003. Le motivazioni del predetto provvedimento giudiziario certificano l‘appartenenza dell‘indagato alla famiglia mafiosa di Isola delle Femmine, territorio rientrante nel mandamento mafioso di Tommaso Natale-San Lorenzo, diretto da Salvatore e Sandro LO PICCOLO. Il grave ed univoco quadro indiziario a carico del BRUNO in ordine alla attualità del suo contributo all‘interno dell‘organizzazione mafiosa promana dalle precise e convergenti dichiarazioni dei collaboratori di giustizia FRANZESE Francesco, NUCCIO Antonino, PULIZZI Gaspare e SPATARO Maurizio. Nell‘interrogatorio del 24 dicembre 2007 FRANZESE, in sede di individuazione fotografica, pur non riconoscendolo, ha indicato BRUNO come l‘attuale responsabile della famiglia mafiosa di Isola delle Femmine, riunita a quella di Capaci. Interrogatorio di FRANZESE Francesco 24 dicembre 2007 FOTO N. 3: Non riconosco l‘uomo, credo che si tratti di un soggetto di Capaci. L‘ufficio da atto che la foto ritrae BRUNO Pietro nato a Isola delle Femmine il 18.11.1946. Dopo avere udito il cognome FRANZESE dichiara di avere appreso da Salvatore e Sandro LO PICCOLO che Pietro BRUNO era il responsabile del territorio di Capaci e di Isola delle Femmine. Ricordo in particolare che in ordine alla dazione di una somma di denaro da parte di un negoziante di piastrelle di Capaci, Gerardo PARISI chiese, in mia presenza, l‘intervento dei LO PICCOLO che riferirono che se ne sarebbe occupato proprio Pietro BRUNO. Successivamente ho appreso da Gerardo PARISI che effettivamente il BRUNO si era interessato, ottenendo il denaro sollecitato. La medesima propalazione accusatoria nei confronti di BRUNO era ripetuta da FRANZESE in data 4 aprile 2008: Interrogatorio di FRANZESE Francesco 4 aprile 2008 – P.M.: allora e su questo quindi non…non è in grado di dirmi altro…foto numero 5) – FRANZESE: no, non ce l‘ho presente… – P.M.: la foto numero 5) riproduce l‘immagine di…BRUNO Pietro, nato a Isola delle Femmine, il 18/11/…del 67… – FRANZESE: ah eh…non l‘ho incontrato personalmente…però posso parlare…sì, poso sparlare di lui, da…da quello che ho saputo diciamo dai LO PICCOLO, …da Sandro…eh da Salvatore LO PICCOLO…cioè lui era reg…posso parlare? di questo fatto? – P.M.: si …certo… – FRANZESE: e le dico pure in che occasione… – P.M.: lei ha detto di essere in grado…vedend…dopo avere saputo il nome di questa persona… – FRANZESE: si, perché…non l‘ho incontrato… – P.M.: perché prima non l‘ha riconosciuto… – FRANZESE: non l‘ho incontrato personalmente… – P.M.: uh… – FRANZESE: però ci sono delle circostanze…che le posso citare…eh…dove è che…ho appreso…che lui era reggente della…famiglia di mafiosa di…Isola delle Femmine – Capaci, le posso dire la circostanza…in cui… – P.M.: lei dice, che l‘ha saputo dai LO PICCOLO, no? – FRANZESE: si, si, da Sandro e Salvatore LO PICCOLO…eh ora le racconto pure la circostanza… – P.M.: reggente della famiglia mafiosa di? – FRANZESE: eh…Isola delle Femmine-Capaci. – P.M.: si… – FRANZESE: le racconto questa circostanza in cui ho… – P.M.: si… – FRANZESE: e allora, c‘era diciamo in una casa dove ho abitato io, della signora Catania ehm… diciamo…eh…il genero GERARDO…con cui parlavo io…che era che abitava accanto…e in questa ehm…in questa casa è venuto pure Sandro LO PICCOLO…e Salvatore LO PICCOLO mentre c‘ero io, …ehm…praticamente il…cognato di Gerardo PARISI, che si chiama…Filippo CATANIA, il figlio della signora Catania, diciamo il suocero eh…ha…una rivendita…una rappresentanza di mattonelle, piastrelle…nel termitano, nella zona di Termini Imerese, in questa zona, e allora lui, aveva dei clienti insolventi nella zona…lì di Capaci, Isola questi qua…e allora ehm…volevano di…Gerardo parlò con…in mia presenza…con i LO PICCOLI…con i LO PICCOLO…per un intervento per vedere di fare recuperare questo credito, e allora…Sandro LO PICCOLO, così come si rivolse con me, eh…il padre prese appunti in un foglietto, che avrebbe dovuto incaricare, cioè indirizzare questo biglietto, a…a BRUNO Pietro, perché qual è… lui disse diciamo amico nostro, quindi…diciamo quale facente capo della famiglia…e quindi di…anche mafiosa, della famiglia di questa zona di competenza…e che avrebbe pensato lui a fare in modo che questi commerciante…questo commerciante…avrebbe restituito questo denaro, diciamo a questi parenti…di Gerardo PARISI…di Filippo Catania. P.M.: quindi in questo episodio specifico… – FRANZESE: si, si, però mi è stato detto…l‘avevo sentito già nominare…per nome insomma…che in per quella zona il referente era lui, era lui…se c‘è…non sono stati episodi per doverlo…conoscere, ma…se ci sarebbero – P.M.: eh…va bè   – FRANZESE: state le condizioni…lui era il referente però…in quel discorso…diciamo fatto dai LO PICCOLO…in base a queste piastrel… Le indagini hanno accertato che il ―Gerardo Parisi‖ si identifica in PARISI Gerardo, nato Palermo 17.09.1967, detto―Zucco‖, in quanto coniugato con CATANIA Maria Giuseppa, nata a Palermo il 06.10.1967. Il predetto PARISI risulta tratto in arresto in data 16.1.2008 nell‘ambito del procedimento penale nr°38/08 R.G. per il delitto di cui all‘art. 416 bis c.p., ed è stato condannato alla pena di anni 3 mesi 4. Le dichiarazioni di FRANZESE risultano, innanzitutto, riscontrate da quelle di NUCCIO Antonino che ha riferito il 28 novembre del 2007 dell‘inserimento del BRUNO nella famiglia mafiosa di Capaci, pur non avendolo mai conosciuto. Interrogatorio di NUCCIO Antonino – 28 novembre 2007 Non sono a conoscenza di chi operasse per le famiglie di Isola delle Femmine e di Capaci, però so che di questa famiglia e di quella vicina di Capaci, si occupava Andrea GIOE‘. DR – Di Pietro BRUNO so che era vicino alla famiglia di Capaci. TRASCRIZIONE – P.M.G.: Lei DI PIERO Bruno ha mai sentito parlare? – NUCCIO: si…però non ne ho avuto mai a che fare…e non…so che è una persona vicino…però non posso riferire… – P.M.G.: e come lo sa? – NUCCIO: no riferitomi da Mimmo SERIO…e da tutti quelli dal… l‘Andrea GIOE‘…sempre che questo BRUNO ha un fratello deceduto pure…se non sbaglio…mi sembra ah! Gli accertamenti esperiti hanno verificato che:  ―Mimmo SERIO‖si identifica in SERIO Domenico, nato a Palermo il 20.06.76, tratto in arresto il 10 novembre 2007 per il delitto di cui agli artt. 416 bis c.p., 110, 629 c.p. ed art. 74 D.P.R. 309/90 (cfr. OCCC in atti) è stato condanato dal GUP di Palermo in data 16 luglio 2009 alla pena di anni 18 di reclusione e 5000 euro di multa. Le indagini hanno accertato che il medesimo era particolarmente legato a NUCCIO Antonino, nonché era organico alla famiglia mafiosa di Tommaso Natale in quanto molto vicino ai latitanti Salvatore e Sandro LO PICCOLO;  ―ndrea GIOE‘‖si identifica in GIOE’ Andrea, nato a Palermo il 13.12.1968, già condannato con sentenza irrevocabile per il delitto di partecipazione all‘organizzazione mafiosa Cosa Nostra, è stato nuovamente tratto in arresto il 10 novembre 2007 per il delitto di cui agli artt. 416 bis c.p. (cfr. OCCC in atti) è stato condanato dal GUP di Palermo in data 16 luglio 2009 alla pena di anni 12 di reclusione. Le indagini hanno accertato che il medesimo, particolarmente legato a NUCCIO Antonino, era il referente dei latitanti Salvatore e Sandro LO PICCOLO per la zona di Sferracavallo e Tommaso Natale. Ulteriore riscontro di natura individualizzante nei confronti di BRUNO Pietro era offerto dalle precise dichiarazioni di PULIZZI Gaspare che, nel corso dell‘interrogatorio del 3 aprile2008, insede di individuazione fotografica, pur non riconoscendolo, ha riferito di avere appreso dai LO PICCOLO della sua qualità di uomo d‘onore della famiglia mafiosa di Isola delle Femmine, nonché quella del fratello, condannato alla pena dell‘ergastolo: interrogatorio PULIZZI Gaspare – 3 aprile 2008 Nella foto nr.5 non riconosco nessuno. L‘ufficio da atto che la foto nr.5 ritrae BRUNO Pietro, nato ad Isola delle Femmine il 18.11.1946. Udite le generalità preciso che si tratta di un uomo d‘onore della famiglia mafiosa di Isola delle Femmine come ho appreso dai LO PICCOLO, che lo consideravano il loro referente anche per Capaci. Tale soggetto ha un fratello detenuto perché condannato all‘ergastolo. TRASCRIZIONE P.M.: Andiamo alla foto nr. 5. PULIZZI: Non lo conosco. P.M.: Guardi attentamente.. non lo conosce. E allora la foto nr. 5 ritrae BRUNO Pietro, nato ad Isola delle Femmine il 18 novembre del ‘46. PULIZZI: Sì, io non lo conosco, però BRUNO Pietro dovrebbe essere uomo d‘onore di Isola delle Femmine. P.M.: Come lo fa a sapere, visto che non lo conosce? PULIZZI: Lui è fratello di un altro BRUNO che non mi ricordo.. è in galera all‘ergastolo per omicidio. Lo conosco tramite i LO PICCOLO, che a Isola c‘era Pietro BRUNO come uomo d‘onore. P.M.: Non l‘ha conosciuto personalmente, ma la qualità e il ruolo l‘ha appresa dai .. PULIZZI: No, una volta mi pare che l‘ho incontrato a Isola in un bar.. P.M.: Allora l‘ha conosciuto? PULIZZI: No, io non ci ho manco parlato.. no, che ero io con mio compare Nino PIPITONE.. e loro si sono salutati e poi mio compare ha detto ―uesto è Pietro BRUNO‖. però non ci siamo nemmeno presentati, perché io ero con qualche altro là che parlavo per i fatti miei.. e loro si sono salutati e hanno parlato più o meno.. Le indagini hanno accertato che ―ino PIPITONE‖si identifica in PIPITONE Antonino, nato a Palermo il 02.05.1969, tratto in arresto il 21 gennaio 2007 per il delitto di cui all‘art. 416 bis c.p., in quanto organico alla famiglia mafiosa di Carini e persone particolarmente legata a PULIZZI Gaspare (cfr OCCC in atti). Ancora, risulta verificato che BRUNO Pietro ha un fratello Francesco, nato ad Isola delle Femmine il 13.12.1944, sebbene non detenuto.

Ancora, a carico di BRUNO Pietro rileva la propalazione accusatoria di SPATARO Maurizio. Quest‘ultimo, in data 17 dicembre2008, insede di ricognizione fotografica, seppur non riconoscendolo, riferiva dell‘intervento di BRUNO Pietro in merito ad una richiesta estorsiva nei confronti di un esercizio commerciale:

INTERROGATORIO DI SPATARO Maurizio – 17 dicembre 2008 Non riconosco la persona raffigurata nella foto nr.9. L’ufficio da atto che si tratta di BRUNO Pietro nato a Isola delle Femmine PA il 18.11.1946. Lo conosco da molto tempo tramite LO PICCOLO ed il CAPORRIMO. La scorsa estate un ragazzo che conosco ha aperto un pub estivo, il MOMA di MOSCA Massimo, al quale venne formulata una richiesta estorsiva. Mi rivolsi al BRUNO il quale, vista la mia richiesta, attenuò l’entità della somma chiedendo che venisse versata qualcosa alla fine della stagione. Le indagini esperite hanno accertato l‘attendibilità della dichiarazione di SPATARO in quanto ad Isola delle Femmine alla via Amerigo Vespucci opera effettivamente l‘esercizio commerciale denominato ―oma Beach‖avente oggetto sociale la somministrazione di alimenti e bevande. Il predetto locale ha avviato l‘attività il 12.5.2006. In data 28.3.2008 la predetta attività era ceduta dal socio accomandatario MOSCA Valentina alla società ―O.MA DRINCK s.r.l.‖il cui amministratore Unico è MOSCA Massimiliano, nato a Palermo il 20.9.1971 e residente ad Isola delle Femmine, fratello della predetta Valentina. Il complesso gravemente indiziario esaminato consente di delineare il ruolo e l‘attività attualmente svolta da BRUNO Pietro nell‘ambito dell‘associazione, nonché l‘impegno costante, personale e concreto, dimostrativo di una condizione di appartenenza e di compenetrazione nel senso previsto dall‘art. 416 bis c.p. 147

INTERROGATORIO DI SPATARO Maurizio – 17 dicembre 2008 Non riconosco la persona raffigurata nella foto nr.9. L’ufficio da atto che si tratta di BRUNO Pietro nato a Isola delle Femmine PA il 18.11.1946. Lo conosco da molto tempo tramite LO PICCOLO ed il CAPORRIMO. La scorsa estate un ragazzo che conosco ha aperto un pub estivo, il MOMA di MOSCA Massimo,  al quale venne formulata una richiesta estorsiva. Mi rivolsi al BRUNO il quale, vista la mia richiesta, attenuò l’entità della somma chiedendo che venisse versata qualcosa alla fine della stagione. Le indagini esperite hanno accertato l‘attendibilità della dichiarazione di SPATARO in quanto ad Isola delle Femmine alla via Amerigo Vespucci opera effettivamente l‘esercizio commerciale denominato ―Moma Beach‖ avente oggetto sociale la somministrazione di alimenti e bevande. Il predetto locale ha avviato l‘attività il 12.5.2006. In data 28.3.2008 la predetta attività era ceduta dal socio accomandatario MOSCA Valentina alla società ―RO.MA DRINCK s.r.l.‖ il cui amministratore Unico è MOSCA Massimiliano, nato a Palermo il 20.9.1971 e residente ad Isola delle Femmine, fratello della predetta Valentina. Il complesso gravemente indiziario esaminato consente di delineare il ruolo e l‘attività attualmente svolta da BRUNO Pietro nell‘ambito dell‘associazione, nonché l‘impegno costante, personale e concreto, dimostrativo di una condizione di appartenenza e di compenetrazione nel senso previsto dall‘art. 416 bis c.p.

http://isoladellefemmineaddiopizzo5.blogspot.it/2011/01/ordinanza-di-applicazione-della-misura_11.html

http://it.scribd.com/doc/93095874/Mafia-a-Isola-Delle-Femmine-Addio-Pizzo-5-Custodia-Cautelare-PDF

Navigazione articolo